Promuovere l’alimentazione veg al largo pubblico, come scelta altamente responsabile: è questa la nuova sfida della LAV che sabato 1 e domenica 2 dicembre, nelle piazze italiane per presentare la nuova campagna dedicata al “Mercoledì veg”, l’estensione, mediterranea e vegan, dei progetti “senza carne” avviati con successo in numerose città europee, degli USA e non solo.

“PER FARE UN ESEMPIO, CON UN MENU’ SENZA PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE UNA VOLTA A SETTIMANA PER UN ANNO, OLTRE A SALVARE LA VITA A MILIONI DI ANIMALI, GLI ITALIANI POTREBBERO RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2 CORRISPONDENTI A 1 MILIARDO E 600 MILIONI DI KM PERCORSI CON UN SUV”


Ai tavoli della LAV i cittadini potranno firmare un Impegno a provare il Mercoledì Veg per un periodo a scelta, e riceveranno un esclusivo ricettario di alta cucina vegan, curato dallo ChefSimone Salvini, da anni impegnato con successo nella formulazione di piatti senza prodotti di origine animale, e una piccola guida pratica per conoscere e praticare un’alimentazione cruelty free, sana e bilanciata.

“Il Mercoledì veg permetterà di risparmiare tonnellate di emissioni di anidride carbonica, tra i principali gas responsabili del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici.

Scegliere pasti privi di ingredienti di origine animale almeno una volta a settimana permetterà, inoltre, di salvare migliaia di animali da una vita di sofferenza e una morte impietosa.

Le scelte individuali sono importanti: se una sola persona adottasse il mercoledì veg per un anno, risparmierebbe l’equivalente del consumo di una lampadina accesa ininterrottamente per 277 giorni.Inoltre, secondo una ricerca diffusa durante la Settimana mondiale dell’acqua, entro 40 anni tutti dovranno passare a un’alimentazione vegetariana, per poter conservare un minimo di indispensabili risorse idriche”.

Sono già moltissime le realtà straniere che hanno avviato iniziative per promuovere giornate senza carne: progetti simili sono attivi a Gand (in Belgio), a San Francisco, in Brasile, Gran Bretagna, Canada, Finlandia, Australia, e in altre realtà tra cui le scuole di Manhattan e di Baltimora e 30 università degli Stati Uniti.

La Città di Alessandria peraltro, non è nuova in questo tipo di iniziative.

Ad ottobre del 2011 è stato istituito il “venerdì cambiamenu” per il quale molti ristoratori alessandrini hanno accolto la proposta LAV, insieme al Comune di Alessandria, di offrire ai clienti un menù senza prodotti di origine animale.

La LAV di Alessandria ha quindi un progetto ambizioso:

far impegnare i cittadini, attraverso una scelta etica, per la salute, l’ambiente e gli animali, ad eliminare i prodotti di origine animale

 Il MERCOLEDI’ a casa e il VENERDI’ al ristorante

Chiunque potrà imparare a preparare il proprio VegDay visitando il sito www.cambiamenu.it, che verrà arricchito di una nuova sezione ad hoc.

Gli Italiani hanno la possibilità di valorizzare uno dei fiori all’occhiello della tradizione culinaria mediterranea. Perché non sfruttarlo allora?

La LAV di Alessandria sarà in piazza con i tavoli informativi e a disposizione di quanti vorranno approfondire l’argomento nei seguenti appuntamenti:

1° Dicembre: Centro Commerciale Archi – di fronte alle casse della Coop – Alessandria

2 Dicembre: Piazzetta della Lega – Alessandria (in caso di maltempo sotto iPortici di Piazza Garibaldi, angolo Corso Roma)

8 Dicembre: Corso Roma

Orario: dalle 10.00 alle 19.00 per tutti gli appuntamenti

 Lega Anti Vivisezione – LAV