Gentile Direttore,

A proposito dei recenti scandalosi fatti emersi per opera di politici in varie regioni mi permetto fare qualche riflessione non per supponenza ma perchè sono convinta che nessuno debba essere felice se non lo sono anche gli altri.

Vorrei ricordare che abbandonando l’etica nei comportamenti sia di enti pubblici sia di privati appare evidente il disastro morale e materiale che ne deriva .

Per quanto mi riguarda cerco sempre di trarre spunti per migliorare il mio sapere ed in questi giorni sto leggendo ”Vivere è un’arte” di Frèderic Lenoir edito da Mondadori e best seller in Francia che vorrei consigliare perchè se anche pochi lettori saranno interessati all’argomento apporterà motivo di riflessione a chi è sensibile anche a livello locale ad una convivenza più umana e non basata solo sull’interesse ed egoismo individuale.

Grazie e complimenti per la tiratura raggiunta dal Suo quotidiano.

 Maria Alessio

Ringrazio la lettrice per il suggerimento. Non so come sia il libro, ma condivido totalmente il titolo  perché sono anch’io convinto che vivere sia un’arte, nel senso che ognuno di noi é chiamato a creare qualcosa di buono e di valido nella vita.  A prescindere.

23 settembre 2012