Mercoledì prossimo, 30 novembre, alle ore 18, presso la buvette di Palazzo Monferrato, Fausto Paravidino, Iris Fusetti e Monica Samassa, incontreranno il pubblico in occasione della Prima Nazionale dello spettacolo “Il Diario di Mariapia” scritto dallo stesso Paravidino.

La “prima” è in programma sabato 10 e domenica 11 dicembre al Teatro Sociale di Valenza, per la produzione del TRA – Teatro Regionale Alessandrino che organizza l’incontro in collaborazione con Palazzo Monferrato.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento di posti.

“Il Diario di Mariapia” racconta la storia di “una famiglia normale. Una donna che non vorrebbe morire, ma che non potendo fare altrimenti cerca di farlo meglio che può. E non è facile, ed è sufficiente ad un dramma. Il contesto, per contro, non è drammatico. Nessuno dei personaggi toccati dalla tragedia aggrotta le ciglia, la tragedia non lascia posto al formalismo, è quel che è, si ride e si piange, la vita continua anche quando sta per finire”.

Maria Pia, la mamma medico di Fausto – già malata da tempo – nel 2006 da un giorno all’altro perde l’autosufficienza e viene ricoverata all’ospedale di Ovada per non uscirne più. Malata di cancro, Maria Pia è da un po’ che si prepara a morire per cercare di finire la sua vita bene come ha sempre cercato di trascorrerla, ma in ospedale qualcosa non va per il verso giusto. La morte si presenta preceduta da una spossatezza imprevista e da una sensazione di vuoto completamente inedita per Maria Pia. Maria Pia si deprime. La depressione è l’unica cosa peggiore del cancro. Poi, su spunto della sua oncologa, Maria Pia torna ad essere medico, trova una spinta vitale e insieme cominciamo a scrivere un diario.

Fabrizio Capra

 28 novembre 2011