carabinieri QContinua l’attività di prevenzione e repressione sul territorio di competenza da parte dei Carabinieri della Compagnia di Alessandria con due arresti, uno dei quali in flagranza e uno su ordine di carcerazione.

  1. I Carabinieri della Stazione Alessandria Principale hanno arrestato per furto aggravato Daria Procchio, di 40 anni, residente in città e pluripregiudicata anche per reati contro il patrimonio. I militari intervenivano alle 11.30 del 22 agosto presso l’esercizio commerciale “Il Globo” di via Giordano Bruno in quanto il personale addetto alla vigilanza e alle vendite aveva fermato alle casse una donna che tentava di uscire facendo attivare il sistema antitaccheggio. Il personale di vigilanza si accorgeva che le barriere si attivavano nonostante la donna sembrava non avesse acquistato niente perché non aveva buste e per tale motivo veniva fatta rientrare nel negozio. I vigilantes accertavano che la donna aveva nascosto nella propria borsa un paio di scarpe ginniche, ammettendo di averle prese dagli scaffali nel tentativo di rubarle. In attesa dell’arrivo della pattuglia veniva accompagnata negli uffici del negozio e nell’entrare nella stanza estraeva dalla sua borsa dei capi di abbigliamento, poi risultati maglie e jeans, e li lanciava sotto uno scaffale credendo di non essere vista nel suo gesto. Tali capi di abbigliamento, due maglie e due jeans, venivano recuperati dal personale del negozio e nel frattempo giungevano i militari della pattuglia che accertavano il furto aggravato da parte della donna perché ai capi di abbigliamento aveva strappato le placche antitaccheggio, gettandole all’interno dei camerini di prova. La donna non era riuscita nella sua azione solamente perché non si era accorta della striscia antitaccheggio che era presente nelle scarpe e non l’aveva quindi eliminata, facendo così suonare le barriere al suo passaggio. La merce, del valore di 120 euro, veniva restituita al responsabile dell’esercizio commerciale mentre la donna veniva arrestata per furto aggravato e posta agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo previsto per oggi 24 agosto, durante il quale l’arresto veniva convalidato e veniva scarcerata in attesa del processo a fine settembre con l’applicazione della misura dell’obbligo di firma.
  2. I Carabinieri della Stazione di Valenza hanno arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione Bruna Natascia Manna, di 43 anni, pregiudicata anche per reati contro il patrimonio. La donna è stato raggiunta da un ordine di carcerazione perché deve scontare una condanna a otto mesi di reclusione. Il provvedimento veniva emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria a seguito di una condanna per un fatto commesso dalla donna cinque anni prima. La condanna era stata emessa dal Tribunale di Alessandria nel giugno del 2013 ed era divenuta definitiva nell’ottobre del 2013 per il reato di furto aggravato commesso alla fine del 2010 a Valenza. La pena definitiva da scontare è di otto mesi e, per tale motivo, dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Alessandria giungeva ai Carabinieri di Valenza l’ordine di carcerazione nei confronti della donna che veniva prelevata dai militari dalla sua abitazione e successivamente accompagnata al carcere di Vercelli per l’espiazione della pena residua.